Emendamenti SIOV al documento SCOF 7/8 June 2011 – feed for organic animals

Il Comitato Scientifico della SIOV – Società Italiana di Omeopatia Veterinaria – esprime le considerazioni al Documento SCOF 7/8 June 2011 “feed for organic animals”, emendando alcuni articoli del reg. (CE) n.889/08.

__________________________________________________________

Proposta modifica art. 19

In generale, per gli erbivori, siamo d’accordo che l’80% della razione debba provenire dall’azienda, questo porrebbe un limite alle aziende con poca terra e con numero elevato di animali favorendo le grosse aziende a discapito delle medio-piccole.

Allargare o rendere più “tenera” la legislazione sul bio non aiuta la categoria ma spingerebbe molti allevatori etici alla uscita dal sistema.

Per il restante 20 % se non fosse fattibile produrlo in azienda, siamo d’accordo sul fatto che possa essere reperito in prossimità ma non siamo d’accordo che coincida con i limiti regionali, come regione intesa politicamente, meglio introdurre il concetto di comprensorio agro zootecnico che è un territorio nell’ambito del quale (introdurre un limite kilometrico) le aziende biologiche collaborano tra loro tramite scambio e compravendita di prodotti.

Le ditte mangimistiche devono definire da dove reperiscono le materie prime, i limiti devono essere gli stessi del comprensorio agro aziendale delle aziende. Le aziende non devono essere penalizzate rispetto alle ditte mangimistiche.

Dare la prevalenza a cereali che richiedano meno acqua irrigua (triticale, farro ecc rispetto al mais ad esempio) e uso di energia fossile per aumentare la sostenibilità delle produzioni, la collaborazione tra operatori e prezzi sostenibili di comprensorio.

La legge europea ci impone comunque di diminuire le emissioni di co2 del 20 % entro il 2020.

Per i non erbivori siamo d’accordo, per i principi sopra elencati, sul limite del 50 %, oltre a questo, almeno il 10 % deve derivare dal pascolo, definire un maiale o un pollo, ad esempio, non erbivoro è etologicamente errato in quanto onnivori una parte della loro dieta si basa appunto sull’erba.

Per limitare i problemi burocratici derivati dal concetto di comprensorio territoriale, dobbiamo lavorare su delle certificazioni di gruppo o di zona, alcune aziende sul territorio stanno pensando di uscire dal bio o non entrarci, lavorando su delle certificazione partecipate tra produttori, protocollo di intesa tra produttori e consumatori.

Proposta modifica art. 22

Non capiamo bene quale sia il significato di “pesca sostenibile”.

Proposta di modifica art. 42

Da valutare a livello sanitario l’entrata  in azienda di polli poco resistenti e abituati a regolari trattamenti non bio. L’articolo va in contrasto con REGOLAMENTO (CE) N. 889/2008 DELLA COMMISSIONE del 5 settembre 2008 Articolo 8 Origine degli animali biologici sull’uso di  razze locali e resistenti.

 

Proposta di modifica art. 43

Proteine non organiche sono probabilmente sottoprodotti industriali e quindi da non somministrare

Proposta di modifica art. 59 e 60

Siamo in generale d’accordo con la proposta.

__________________________________________________________

Comitato Scientifico SIOV – Dipartimento Zootecnia e Biologico – Responsabile: Dott. Pietro Venezia

http://www.siov.org|segreteria.siov@gmail.com