Archivio dell'autore: David Bettio

Informazioni su David Bettio

Medico Veterinario Omeopata

Giornate di approfondimento didattico SIOV

PULSANTE GIORNATE APERTE

La SIOV apre le porte alle giornate di approfondimento didattico per Ex Allievi ed esterni.

Da quest’anno , AA 2019-2020, c’è la possibilità di partecipare a singole giornate all’interno del Corso Triennale in Omeopatia Veterinaria a scelta. in base all’interesse per singoli argomenti trattati durante le lezioni. In base al programma stabilito nel Corso Triennale , si può scegliere di partecipare ad una singola giornata del 1° oppure 2° oppure 3° Anno Accademico.

Possono partecipare Ex Allievi della Scuola SIOV, oppure colleghi esterni.

La quota per ogni singola giornata è:

  • quota ex allievi : 50 euro (+ IVA)
  • quota esterni: 80 euro (+ IVA)

A breve sarà pubblicato il programma didattico, per poter scegliere la giornata o le giornate di vostro interesse.

Per informazioni: segreteria.siov@gmail.com

Annunci

Nuova sede della Scuola SIOV 2019

La Scuola SIOV cambia sede.

Dopo tanti anni di collaborazione con il Centro Kairos, che si trasferisce in un nuovo stabile e non può più ospitare le nostre attività didattiche, il Corso Triennale della Scuola SIOV cambia sede.

Abbiamo trovato una nuova sistemazione ottimale, sempre in città a Parma, nel quartiere dell’Ospedale Civile Maggiore, facilmente raggiungibile dalla Stazione Ferroviaria sia a piedi che con i mezzi pubblici, e comoda anche per chi viene in automobile.

Nei prossimi anni saremo ospiti dell’ Istituto Vittorio Alfieri si trova a Parma in Via Galvani n. 4 (laterale di Via Abbeveratoia) .

Questa la mappa della nuova sede.

mappa istituto Alfieri

 

10° CONGRESSO NAZIONALE SIOV. PARMA, 26-27 OTTOBRE 2019

PULSANTE Cogresso 2019.pngLa S.I.O.V. – Società Italiana di Omeopatia Veterinaria – ha il piacere di annunciare il PROGRAMMA PRELIMINARE del il Congresso Scientifico che si terrà nei giorni di Sabato 26 e Domenica 27 Ottobre 2019 a PARMA.
10° CONGRESSO NAZIONALE SIOV
PARMA, 26-27 OTTOBRE 2019
Via XXIV Maggio, 15 – Parma
RESILIENZA: LA VIA OMEOPATICA”

 

programma preliminare delle relazioni

 

  • One Health e il cambio di Paradigma in Medicina Veterinaria – Prof. Lucia Francesca Menna (Università di Napoli)
  • Falco o pappagallo? Un caso clinico – Dr.ssa Cinzia Ciarmatori
  • La compliance nel caso clinico omeopatico, ovvero perchè (purtroppo), non sono tutti come la signora Luisella – Dr.ssa M. Cristina Stocchino
  • Approccio omeopatico in un allevamento di suini per affrontare olisticamente il problema dell’Antibiotico Resistenza in campo umano – Dr. Lorenzo Rossi
  • Triticum vulgare: studio repertoriale ed esposizione di un caso clinico con follow up a lungo termine – Dr.ssa Barbara Rigamonti

  • In equilibrio instabile – Dr.ssa Valentina Guidoboni

  • Da disequilibrio metabolico a disequilibrio energetico: medicina integrata in una stalla di bovine da latte in provincia di Modena” – Dr.ssa Francesca Socciarelli

  • Samuel Hahnemann, l’Omeopatia ed il rapporto con l’ambiente al giorno d’oggi – Dr. Pietro Venezia

  • O il protoccolo o la vita? – Dr. Andrea Sergiampietri.

  • Caso Clinico di dermatomiosite e megaesofago in un cane – Dr. David Bettio
  • Omeopatia Veterinaria: il percorso ad ostacoli della regolamentazione normativa – Dr. Alessandro Battigelli, Dr. David Bettio
  • Resisto dunque sono: storie di ordinaria resilienza omeopatica in veterinaria. Casi clinici di resilienza alle avversità della vita, agevolata dal rimedio omeopatico unitario. – Dr.ssa Maria Desiderata D’Angelo.
  • La specificità di Ferrum Phosphoricum. – Dr. Andrea Brancalion
  • La resilienza e la via della cura, un viaggio con gli Archetipi. Dr.ssa Maria Giovanna Luini (Ospite esterno)
  • Nuove vecchie verità nella medicina del terzo millennio – Dr.ssa Priscilla Sciarretta
  • Resilienza: superare il trauma. Studio di rimedi in cui il trauma è elemento significativo – Dr.ssa Marina Nuovo.
  • La relazione fa ammalare, la relazione guarisce: percorsi di resilienza di animali e dei loro umani di riferimento – Dr.ssa Barbara Rigamonti.
  • Valutazione dello stress ossidativo in un allevamento di bovine da latte – Dr. Maurizio Nascimbeni
  • Un piccolo rimedio per una patologia incurabile. Un caso di Lupus discoide – Dr.ssa R. Ricetti. 

Seminario di Omeopatia Veterinaria a Napoli aperto a tutti. Sabato 15 Giugno 2019.

locandina smal NAPOLI

La SIOV in collaborazione con CEMON e LUIMO organizza un seminario informativo sull’Omeopatia Veterinaria aperto a tutti. La sede dell’evento è in Via Gramsci 18 a Napoli, sede delle prestigiosa associazione di Omeopatia Classica LUIMO.
PROGRAMMA:
9:30 Registrazione dei partecipanti
10:00 Introduzione ed apertura dei lavori: come una donna di scienza può incuriosirsi ed innamorarsi del paradigma dell’omeopatia – Chiar.ma Prof.ssa Lucia Francesca Menna
10:45 Omeopatia: cos’è e da dove viene – Dott. Roberto Orsi
11:30 Coffee break offerto da CEMON
12:00 Luoghi comuni sull’Omeopatia: sfatiamoli attraverso esempi clinici – Dott.ssa Barbara Rigamonti
12:45 Alcune buone ragioni per diventare omeopati – Dott.ssa Maria Desiderata D’Angelo
13:30 Pausa pranzo
14:30 Cos’è veramente il rimedio omeopatico? – Dott.ssa Maria Desiderata D’angelo
15:00 Omeopatia atto medico: la situazione normativa in Italia e in Europa – Dott. David Bettio, Dott. Roberto Orsi
15:30 La storia e le prospettive della Scuola SIOV – Dott. David Bettio, Dott.ssa Barbara Rigamonti
16:00 Il nostro lavoro quotidiano: racconti di esperienze cliniche in
Omeopatia veterinaria ed interazione con il pubblico – Dott.ssa Maria Desiderata D’Angelo, Dott. Roberto Orsi, Dott.ssa Barbara Rigamonti
17:00 Conclusione dei lavori
Per informazioni : info@luimo.org – 081.7614707

Preservata la dignità scientifica dell’omeopatia

WomanshoppingHomeopathy

Verso la fine del 2018, il governo spagnolo ha chiesto alla Commissione europea di modificare le leggi sull’omeopatia. Come sistema di medicina, esso non appartiene al paradigma convenzionale, quindi le complessità che circondano il suo meccanismo d’azione dei principi che lo governano sono aperti alle critiche, basate generalmente sulla mancanza di comprensione, sulla conoscenza limitata e sulla mancanza di comprensione dell’effettivo base di prove e approccio non materialistico. Secondo El Pais, l’argomentazione avanzata è che l’omeopatia è una “pseudo-terapia” e dovrebbe quindi essere bandita dai centri sanitari e dalle università. “Il governo ritiene che, oltre a non funzionare, le terapie influenzino negativamente la salute perpetuando malattie, causando altri o addirittura aumentando il rischio di morte. Secondo il governo spagnolo, lo fanno incoraggiando una persona a sostituire o ritardare l’assunzione di farmaci convenzionali di comprovata sicurezza ed efficacia, il che riduce l’efficacia di questi trattamenti (convenzionali). “(Barcellona, ​​novembre 2018)

Un progetto denominato “Piano di protezione sanitaria contro le pseudo-terapie” (Barcellona, ​​novembre 2018) ha proposto quattro linee di azione, tutte essenzialmente richiedenti che la medicina complementare si sottoponga allo stesso esame in termini di evidenza scientifica come medicina convenzionale. Sembrano ignorare le migliaia di studi scientifici che supportano l’uso dell’omeopatia. (https://www.hri-research.org/) La seguente dichiarazione, citata in La Vanguardia dal ministro spagnolo della Salute Maria Luisa Carcedo: “L’omeopatia è una terapia alternativa che non ha dimostrato alcuna prova scientifica che funzioni” è semplicemente sbagliato e fuorviante, alla luce della letteratura e delle prove citate qui.

Il piano arriva due mesi dopo che 400 scienziati spagnoli hanno firmato una lettera aperta che chiedeva un’azione contro la pseudo-scienza, in seguito alla morte di un malato di cancro che ha rifiutato la medicina tradizionale. Sembra che il paziente si sia rammaricato di non seguire il tradizionale corso di trattamento sotto forma di chemioterapia, tuttavia, a mio parere, è sicuramente giusto che, dati tutti i fatti su entrambi i lati dell’argomento, abbia il diritto di scegliere ciò che è giusto per loro. La voce del paziente deve essere ascoltata. La chemioterapia e altri trattamenti convenzionali vengono con una serie di effetti collaterali, alcuni dei quali sono potenzialmente in pericolo di vita in sé stessi.

Il medico danese Peter C. Gøtzsche afferma:

I nostri farmaci da prescrizione sono la terza principale causa di morte dopo le malattie cardiache e il cancro negli Stati Uniti e in Europa. Circa la metà di coloro che muoiono ha preso correttamente i farmaci; l’altra metà muore a causa di errori, come una dose troppo alta o l’uso di un farmaco nonostante le controindicazioni. Le nostre agenzie farmaceutiche non sono particolarmente utili, poiché si basano su correzioni false, che sono una lunga lista di avvertenze, precauzioni e controindicazioni per ciascun farmaco, anche se sanno che nessun dottore può padroneggiarle tutte. Le principali ragioni delle numerose morti per droga sono la regolamentazione impotente delle droghe, la criminalità diffusa che include la corruzione delle prove scientifiche sulle droghe e la corruzione dei medici, e le bugie nel marketing delle droghe, che è dannoso quanto il marketing del tabacco e, pertanto, dovrebbe essere vietato. Dovremmo assumere molti meno farmaci e i pazienti dovrebbero studiare attentamente i foglietti illustrativi dei farmaci prescritti dai medici e fonti di informazioni indipendenti su farmaci come le revisioni Cochrane, che renderanno più facile per loro dire “no grazie”. (Gøtzsche PC: 2014)

Recentemente ho scritto un articolo intitolato “Libertà di scelta, equilibrio in medicina”. (Https://hpathy.com/homeopathy-papers/freedom-of-choice-balance-in-medicine/) All’epoca era specificamente diretto verso situazioni analoghe in Australia, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, dove, nonostante la scelta e l’opinione pubblica, gli organi direttivi si sforzavano di negare la libertà di scelta nell’assistenza sanitaria. Ora sembra che la Spagna abbia percepito lo stesso tipo di diritto chiedendo all’UE di modificare i suoi regolamenti in materia di medicina omeopatica, fortunatamente, in questo caso, il buonsenso e l’integrità hanno vinto. Mi piacerebbe condividere con voi un sentimento da quell’articolo qui:

“Parte della ragione per cui si trova la situazione attuale è la” falsa rappresentazione “a cui si fa riferimento. Le vere statistiche, i fatti e il successo mondiale dell’omeopatia sono raramente rivelati. C’è sempre un tema per gli assalti, e raramente è l’intera storia raccontata elencando i molti casi in cui si è verificata una guarigione notevole. È quasi sempre una versione soggettiva, limitata, manipolata per adattarsi all’agenda del giornalista, derivante principalmente dalla loro spiccata incapacità di comprendere i principi omeopatici. Dire che non ci sono prove sull’efficacia dell’omeopatia è semplicemente non vero ed è grossolanamente fuorviante. Molte prove sono state fatte dimostrando esiti positivi ed è importante per il pubblico rendersi conto che sono state pubblicate molte ricerche omeopatiche significative (https://www.hri-research.org/) e molte altre sono in corso in altre organizzazioni. Gli studi, (RCT e altro) sono Gli studi (RCT e altro) sono spesso citati, sebbene invariabilmente sommersi dalla bomba dell’ignoranza, tipica della mentalità limitata degli scettici e dei detrattori, che non comprendono i diversi paradigmi medici e le conseguenti complessità. ‘( https://hpathy.com/homeopathy-papers/freedom-of-choice-balance-in-medicine/)

Quindi, in definitiva, Bruxelles ha respinto la richiesta spagnola di modificare la legge sull’omeopatia:

La Commissione europea non cambierà la direttiva sull’uso dei prodotti omeopatici nell’Unione. Il governo spagnolo ha chiesto di modificare il testo che regola questa terapia – le cui proprietà non sono approvate scientificamente – durante un incontro informale tenutosi a settembre a Vienna, considerando il regolamento in vigore “un rischio per la salute dei cittadini”. Bruxelles non condivide questa opinione e ha riferito che non rientra nei suoi piani di modifica. L’attuale quadro trova un equilibrio tra la garanzia della qualità e della sicurezza e l’informazione dei consumatori, compresi gli operatori sanitari “, ha dichiarato il commissario per la Salute Vytenis Andriukaitis. alle domande del deputato socialista José Blanco. “(Spain’s News.com/Society: 2018)

L’attuale situazione in Spagna rimane turbolenta ed è in corso; tuttavia, ritengo sia significativo che venga riportata la posizione presa a Bruxelles. Speriamo che questa piccola, anche se significativa decisione, sia la svolta di una marea, a nostro favore, in definitiva consentendo la libertà di scelta in ambito sanitario, supportata da migliaia di prove basate su prove e pazienti soddisfatti.

https://magicpillsmovie.com/brussels-rejects-spanish-request/?fbclid=IwAR0TyfYUI4zcVlRqeMIT-zwSbzW4deb5WLSnONpeo3kSQcpDhM2BSR1sXlc

References: 

CALL FOR PAPERS. “Resilienza: la via Omeopatica”. Congresso Nazionale SIOV 2019

logo siov4CALL FOR PAPERS 2019

INVIO ABSTRACTS

Parma, 10 Febbraio 2019

La S.I.O.V. – Società Italiana di Omeopatia Veterinaria, ha il piacere di annunciare il primo Call for Papers per il Congresso Scientifico che si terrà nei giorni di Sabato 26 e Domenica 27 Ottobre 2019 a PARMA (sede da definire).

Il titolo del Congresso è:

RESILIENZA: LA VIA OMEOPATICA”

Potranno essere proposti abstracts che attengano ai seguenti argomenti:

  • relazione terapeutica tra rimedio, malato e contesto
  • benessere animale e diritti degli animali
  • etologia e comportamento
  • vaccinazioni e problematiche iatrogene
  • problematiche nutrizionistiche
  • approccio sistemico agli ostacoli alla guarigione
  • revisione in chiave veterinaria della materia medica
  • revisione in chiave veterinaria del repertorio
  • casi clinici
  • ricerche originali

Medici Veterinari, liberi professionisti e ricercatori in tutte le discipline correlate sono invitati a inviare i propri lavori sotto forma di abstracts. I lavori presentati dovranno essere originali (non pubblicati in precedenza).

I lavori saranno presentati sotto forma di relazioni estese o comunicazioni brevi o poster (in lingua italiana o inglese).

I relatori delle presentazioni orali saranno automaticamente iscritti al congresso, ovvero non saranno tenuti al pagamento di alcuna quota di iscrizione.

La deadline per la presentazione degli abstracts è il 30 giugno 2019.

Gli abstracts devono essere inviati come allegato via e-mail all’indirizzo:

segreteria.siov@gmail.com

Il formato richiesto per gli abstracts è Microsoft Word per Windows.

La durata delle presentazioni orali sarà di 35 minuti più 10 per le domande.

Non saranno accettati abstracts anonimi.

Ai partecipanti sarà comunicata l’accettazione del lavoro non oltre il 15 luglio2019

Il lavoro completo dovrà essere inviato non oltre il 30 settembre 2019. Ulteriori dettagli saranno dati con la notifica di accettazione.

Tutti i lavori saranno sottoposti in forma anonima, prima dell’accettazione, ad un triplice referaggio.

Ogni lavoro sarà valutato sia dal punto di vista scientifico, sia per l’originalità e la pertinenza agli argomenti del congresso.

Il limite di accettabilità di tutti i lavori del meeting sarà in accordo con i seguenti criteri di selezione:

  • rilevante merito scientifico
  • originalità/ interesse
  • varietà degli argomenti

Gli abstracts non conformi alle regole esplicate qui di seguito non verranno accettati dalla commissione.

Istruzioni per gli abstracts

Gli abstracts dovranno essere scritti in lingua italiana o inglese, non superare le 500 parole, escludendo il titolo, il nome dell’autore e l’indirizzo. Dovranno essere redatti con un programma compatibile con Microsoft Word. Le proposte dovranno consistere in ricerche o lavori non precedentemente pubblicati.

Tutti gli abstracts DEVONO includere le seguenti informazioni su pagine separate:

  1. Il titolo completo del lavoro seguito dalle iniziali del nome e dal cognome degli autori (ma non dalla qualifica) e dall’indirizzo degli autori, su righe differenti.
  2. Titolo centrato in maiuscolo e in grassetto.
  3. I nomi degli autori dovranno essere centrati sotto il titolo, senza riferimenti alla qualifica.
  4. L’indirizzo dovrà essere sotto al titolo.
  5. L’autore da contattare dovrà essere indicato dopo l’indirizzo e dovrà essere indicato anche un indirizzo e-mail. Questo potrà anche non essere l’autore che presenterà il lavoro.
  6. Indicare la preferenza tra:
    1. Presentazione orale
    2. Poster
    3. Entrambi
  7. Il testo dell’abstract (su pagina separata) dovrà comprendere: titolo, introduzione (compresi gli scopi del lavoro), materiali e metodi, risultati, discussione e conclusione. In questa fase, non è richiesta la bibliografia.

Si prega di non inviare abstracts se non si è intenzionati a partecipare al meeting. Al fine di equilibrare il programma, la commissione scientifica si riserva il diritto di limitare il numero dei lavori presentati dallo stesso autore.

Ci auguriamo di vedervi tutti a Parma

Un cordialissimo saluto

Per il Consiglio direttivo della S.I.O.V., il Presidente

Dr. David Bettio

SCARICA la call for papers 2019