Archivi tag: Umncv

UMNCV su Progetto Pilota del Parlamento EU in omeopatia

Fonte: UMNCV | leggi il comunicato originale >>

La Unione Medicina Non Convenzionale Veterinaria – UMNCV ha accolto con grande interesse la notizia dello stanziamento di 2 milioni di euro da parte della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo per finanziare un progetto pilota sull’utilizzo delle Medicine Non Convenzionali (MNC) nell’ambito della Veterinaria.

Si tratta di una presa di posizione importante a livello istituzionale europeo che delinea la volontà di conoscere e approfondire le potenzialità delle Medicine Non Convenzionali e la loro applicabilità. Sicuramente l’emergenza sull’antibiotico-resistenza è stata una sollecitazione rilevante nel determinare questa posizione che è anche una prima presa di coscienza dell’esistenza di un problema enorme legato a logiche di mercato che hanno indotto ad un uso sconsiderato ed inappropriato dei farmaci.

Negli anni la UMNCV si è strenuamente adoperata nel sensibilizzare le Istituzioni nazionali, le Associazioni dei Veterinari e la Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani su temi quali antibiotico-resistenza, sicurezza alimentare, impatto ambientale, benessere animale: l’utilizzo clinico delle MNC rappresenta un potenziamento dell’allopatia ed una validissima soluzione per queste problematiche nell’ottica dell’integrazione professionale.

Questo progetto pilota è “la grande opportunità” della Veterinaria tutta: finalmente attraverso lo stanziamento di fondi dedicati, da sempre carenti o del tutto assenti per il settore delle MNC, sarà possibile testare e valutare il reale impiego clinico di Agopuntura, Fitoterapia, Omeopatia applicate agli animali!

Pertanto non dovrebbero essere contrari neanche coloro che, come il Prof. Garattini o il Dr. Grasselli, sono critici e detrattori di queste medicine: attraverso piani specifici di ricerca sarà possibile stimare se queste medicine sono veramente efficaci o no!

Dovrebbero essere gli esperti a “temere” queste ricerche, non certo chi è già (pregiudizievolmente) sicuro che esse non hanno valore!

Questo progetto che appare come un chiaro segno di apertura scientifica e di condivisione dei saperi in medicina veterinaria, è in linea con le direttive comunitarie e con il Regolamento CE 834/2007 che indica le MNC come specifiche nella gestione della zootecnia biologica, ma va anche nel senso indicato dalla W.H.O. che da anni promuove l’introduzione delle stesse nei sistemi sanitari nazionali.

La UMNCV intende sottolineare i punti fondamentali entro cui dovrebbe muoversi questo progetto di ricerca:

  • assoluta indipendenza degli organi e delle istituzioni direttamente implicate nelle sperimentazioni;

  • coinvolgimento degli esperti delle MNC per la scelta dei protocolli clinici e per l’effettuazione delle parti pratiche delle ricerche (sperimentazione sul campo);

  • adattare il modello di ricerca alle esigenze epistemologiche delle MNC (più volte è stato ribadita la differente interpretazione biofisica delle MNC considerando che l’attuale periodo epigenetico della medicina è caratterizzato dalla complessità, non più dal becero meccanicismo causa-effetto).

Con questo atto l’Europa mostra di non bloccarsi su posizioni anacronistiche, pregiudizievoli, ma di tentare soluzioni a problematiche gravi che interessano la salute pubblica e quella degli animali, problematiche che non hanno ancora trovato soluzione con i rimedi convenzionali sinora impiegati (anche con una certa cieca ostinazione). Questa grande opportunità crea pertanto un’occasione di reale sviluppo scientifico, ma soprattutto enfatizza gli aspetti relativi alla tutela dei consumatori e promuove il benessere animale non come presa di posizione ideologica, ma come atto concreto capace di produrre immediati benefici per la collettività.

La UMNCV auspica che tutte le componenti della veterinaria sappiano cogliere il significato intrinseco di questo progetto e che vogliano supportarlo nell’ottica della condivisione e della collaborazione, riconoscendo l’urgenza di interventi efficaci e sostenibili in Medicina.

Parma, 7 Settembre 2011

UMNCV

Risposta di UMNCV al prof. Garattini sul Biologico

E’ davvero incredibile come di Medicine Non Convenzionali (MNC) e di produzioni alimentari biologiche si parli sempre in seguito a sollecitazioni di tipo negativo.

Da anni la Unione Medicina Non Convenzionale VeterinariaUMNCV sostiene la necessità di un serio confronto su queste discipline mediche e sulla Zootecnia Biologica, ma gli interlocutori, sia nell’ambito della categoria, che le altre Istituzioni sollecitate hanno sempre accuratamente evitato di intervenire su un argomento giudicato secondario o spinoso.

Le ultime esternazioni del Prof. Garattini mettono in evidenza quella modalità vetusta, rigida e riduzionista che ha portato ad intendere la medicina e le scienze come totalmente staccate dall’ecologia, dall’ambiente, dal βίος, dalla vita quam vivimus insieme al pianeta tutto.

Invece di evidenziare inverosimili coincidenze, il Prof. Garattini dovrebbe chiedersi come mai E. coli è incredibilmente diventato resistente a otto diverse classi di farmaci antibiotici e poi, improvvisamente, è apparso nella catena alimentare.

Seri confronti ed evidenze scientifiche già esistono, per chi vuole prenderle in considerazione, certo ulteriori studi sarebbero necessari, ma non si può tacere che essi non vengono attuati perché non portano introiti alle lobbies di potere.

L’attuale sistema produttivo bio – tecnologico, improntato principalmente a logiche simil – industriali di mercato, sembrava aver risolto i problemi di quantità delle produzioni alimentari ed ha risposto alla esorbitante domanda di distribuzione dei Paesi occidentali, ma gli obiettivi perseguiti hanno mostrato numerosi punti critici e le fallite aspettative. Le più recenti crisi alimentari, dalla BSE all’Influenza Aviare, l’elevato numero di problemi connessi alla contaminazione chimica degli alimenti, le frodi commerciali di un mercato poco vigilato e senza regole, hanno fatto emergere come sia fondamentale raccordare fra loro qualità, produttività, sicurezza ed ecologia. In particolare per  gli animali i problemi derivano dall’allevamento industriale che esalta tecnopatie, patologie condizionate, medicalizzazione, iatrogenesi, residui, inquinamento, trasformazione (riscaldamento globale).

Il degrado degli ecosistemi e gli imponenti rischi connessi hanno evidenziato in modo particolare il ruolo primario che il biologico assume nella preservazione della biodiversità: le fattorie che passano dagli attuali metodi di agricoltura a quelli biologici vedono in breve tempo l’aumento di biodiversità misurata come incremento del numero di specie presenti, dai batteri alle piante fino ai mammiferi e agli uccelli. I metodi di coltivazione naturali influiscono positivamente sulla biodiversità in tutte le tappe della catena alimentare e l’impiego di tecniche di coltivazione naturale si accompagna alla pratica dell’allevamento, diversificando così ulteriormente la presenza di habitat sui terreni agricoli che si arricchiscono di specie animali e vegetali.

Quindi le produzioni biologiche rappresentano non tanto un vezzo o una semplice richiesta di qualità da parte di consumatori esigenti, quanto piuttosto una maggiore consapevolezza sulle dinamiche socio – culturali, ambientali ed economiche del sistema produttivo di cui l’alimentazione è un fondamento imprescindibile e da cui dipende drammaticamente il grado di salute sociale. Gli operatori agro – zootecnici ed i consumatori, con crescente consapevolezza, hanno iniziato ad interrogarsi sulla valenza etica delle produzioni alimentari esasperate dallo sfruttamento ambientale ed animale, ma anche sulla qualità degli alimenti così ottenuti. Infine è utile ribadire un pensiero da sempre difeso dalla UMNCV: “naturale non è sinonimo di innocuo”, e questo sia nel dare il giusto significato alle discipline mediche non convenzionali ed agli eventuali prodotti impiegati nella terapia, sia nell’ambito delle produzioni biologiche che meritano gestione e controlli specifici!

Si parla tanto di sicurezza alimentare, persino l’Unione Europea si è dotata di un’apposita Authority, EFSA, che però opera esattamente con quei criteri di scientificità retriva ed inoffensiva per la lobby delle aziende alimentari. Se si prova ad inserire una serie di termini relativi al biologico (zootecnia biologica – agricoltura biologica – produzioni biologiche – etc) sul banner di ricerca di EFSA, la risposta è sempre la stessa: “Spiacenti, nessun elemento corrisponde ai criteri di ricerca impostati”. E questo in un continente, l’Europa, in cui il biologico è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi anni: il rapporto Biobank 2009  (www.biobank.it) fornisce dati confortanti e stimolanti riguardo all’andamento del mercato del biologico nel triennio 2006-2008; da indicazioni del panel ISMEA – NIELSEN l’andamento dei consumi di prodotto biologico  in Italia è pari a circa 350 milioni € / anno, mentre il valore complessivo delle vendite di prodotto biologici  in Europa risulta pari circa  a 1,5 – 2 miliardi di € / anno. Tale sviluppo è merito solo di coloro che si sono impegnati seriamente: agricoltori, allevatori, medici veterinari esperti delle MNC, dandosi regole, facendo ricerche sul campo e raccogliendo evidenze senza supporti economici o sponsorizzazioni lobbistiche.

Nell’ambito della categoria medico – veterinaria è da segnalare un ritardo inconcepibile da parte del Ministero che ha sempre disdegnato e sottovalutato l’argomento, nonostante le diverse sollecitazioni delle Società scientifiche di MNC in Veterinaria: è solo da Settembre 2010 che alcuni esponenti del Dipartimento della Veterinaria hanno iniziato timidamente ad esternare su questo argomento.

ANMVI dimentica che per  gli animali i problemi derivano dall’allevamento industriale che esalta tecnopatie, patologie condizionate, medicalizzazione, iatrogenesi, residui, inquinamento, trasformazione (riscaldamento globale) e individua come unico rimedio per questa zootecnia malata la figura del veterinario d’azienda, soggetto abbastanza anonimo ed ingranaggio di un meccanismo comunque perturbato e perverso, e dimentica di evidenziare che per “prestare particolare attenzione alle condizioni di stabulazione, alle pratiche zootecniche e alla densità degli animali” non basta essere medici veterinari, ma anche essere esperti del particolare settore biologico ed essere qualificati in MNC!!

Più volte la UMNCV ha sostenuto, inascoltata, che:

  • Le MNC vanno considerate quale strumento clinico per la cura degli animali in grado di contrastare intolleranze, effetti avversi da farmaci, farmacoresistenza;
  • Il significato e l’interpretazione dei dati di farmacovigilanza e sorveglianza rispetto all’uso delle MNC non sembrano minimamente interessare agli organi ufficiali preposti al controllo, nonostante il considerevole ruolo che le stesse svolgono in merito alla resistenza farmacologica, all’impatto ambientale, alla sicurezza ed alla qualità dei prodotti alimentari di origine animale;
  • Manca un confronto culturale e professionale serio e necessario per una interazione a favore del potenziamento dell’atto medico veterinario.

 

La UMNCV è disponibile a dar vita ad un tavolo di lavoro con FNOVI, Ministero, ANMVI e con tutte le componenti della Veterinaria; un tavolo che sia in grado di analizzare tutti gli aspetti del complesso problema e che sia in grado di strutturare una conoscenza condivisa e sistematica nel campo professionale, in quello della ricerca e della salute. Le MNC si pongono non come alternativa all’allopatia, ma come necessario completamento in un sistema clinico che, affiancando tra loro le diverse discipline mediche, potenzi l’atto medico finalizzato al raggiungimento del benessere, della salute animale, di quella umana e dell’ambiente.